font-awesome-load
material-design-icons-load

Firenze verso il 1900: Lo sguardo fotografico

Fotografia a Firenze

Con "l'appello a tutti i fotografisti e a tutti gli scienziati toscani per riunire gli sforzi ed i lumi", nel mese di febbraio 1854 la Società Fotografica Toscana bandì un concorso fotografico dotato di una borsa di 500 lire. A quel punto Firenze si collocava già tra i principali centri della fotografia in Italia, essendovi praticata fin dal 1839 la nuova tecnica per mezzo della produzione di dagherrotipi ed essendovi stato presentato nel 1842 il metodo negativo/positivo sviluppato a Londra da William Henry Fox Talbot. L'invenzione, a distanza di dieci anni, della stampa all'albume e del procedimento al collodio non solo permise la riproduzione di un'immagine in vari formati, specialmente più grandi, bensì comportò anche un miglioramento della qualità dell'immagine, consolidando così il successo della fotografia. In tutta Europa vennero fondati società e istituti fotografici, e Roma e Napoli diventarono, insieme a Venezia e Firenze, le capitali della fotografia. A partire dal 1850 fotografi quali John Brampton Philpot, i fratelli Alinari, Giacomo Brogi e Giorgio Sommer fondarono studi e rappresentanze a Firenze, dedicandosi, oltre che ai ritratti, alle foto documentarie e alla copertura di eventi, alle vedute cittadine e ai paesaggi, ma soprattutto all'arte e all'architettura. In quest'ambito le piazze e le facciate erano tra i soggetti preferiti in quanto riscuotevano l'interesse sia degli appassionati di storia dell'arte, sia dei turisti.


Studio dello stabilimento fotografico Brogi sul Lungarno, foto: Brogi, dopo 1888, stampa all'albume, 24,8 x 20,7 cm, n. inv. 246365

Atelier di posa dello stabilimento fotografico Brogi sul Lungarno, foto: Brogi, 1888, stampa all'albume 19,4 x 24,4 cm, n. inv. 246370

Veduta del Duomo da sudovest, foto: Giorgio Sommer, circa 1870, stampa all'albume 18,3 x 24,3 cm, n. inv. 10690

Piazzale degli Uffizi e Palazzo Vecchio con il David di Michelangelo, foto: fotografo non identificato, circa 1860, carta salata? stampa all'albume 25,2 x 19,5 cm, n. inv. 103299

Palazzo Vecchio e Piazza della Signoria dopo il trasferimento del David di Michelangelo 1873, foto: Brogi, prima del 1910, stampa alla gelatina d'argento? 25 x 51 cm, n. inv. 230146

Piazza della Signoria, foto: Alphonse Bernoud, 1860/1862, stampa all'albume 23,6 x 31,8 cm, n. inv. 456738

Santa Croce prima del completamento della facciata 1857, foto: Fratelli Alinari, prima del 1857, stampa alla gelatina d'argento 19,2 x 24,7 cm, n. inv. 115411

L'adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci, Uffizi, foto: Vittorio Jacquier, prima di 1900, stampa all'albume, 19,6 x 19,4 cm, n. inv. 197746

Madonna con Bambino e Santa Caterina di Tiziano, Palazzo Pitti, foto: Vittorio Jacquier, prima di 1900, stampa all'albume, 25,6 x 19,5 cm, n. inv. 33101




© KHI Firenze | 29.09.2020 17:50:16