font-awesome-load
material-design-icons-load

Casa Zuccari

Gli Archi

Nelle decorazioni degli archi, oltre alle consuete coppie di putti, appaiono raffigurati anche quattro episodi tratti dalle vicende biografiche dell’antico poeta fiabesco, il greco Esopo. La scenetta descritta all’interno dell’illusionistica architettura che occupa la parete occidentale non è stata ancora identificata. Le altre tre, invece, narrano della schiavitù dell’inviso e gibboso poeta, per di più muto il quale, tuttavia, in virtù della sua vivace arguzia si guadagna un certo riconoscimento. Nell’episodio raffigurato sul lato della finestra Esopo viene accusato dagli altri schiavi di aver mangiato dei fichi durante la raccolta, nonostante il divieto. Egli, allora, per dimostrare la propria innocenza rimette di stomaco, e poichè costoro non potranno trattenersi dall’imitarlo viene così smascherata la calunnia. Nella scenetta successiva il Filosofo Xantus cerca di punire il suo schiavo di cucina Esopo, per un fatto accaduto precedentemente, allorché egli lo incaricò di cucinare quattro stinchi di maiale ma, sottraendogliene ingannevolmente uno dalla padella. Esopo, accortosi del tranello, recide una zampa a un maiale e finirà per cuocere cinque stinchi, dato che nel frattempo Xantus, pentito, aveva già riposto il maltolto. Allorché questi, a tavola, chiede spiegazioni per i cinque stinchi, Esopo illustra il giusto calcolo in base al quale nella padella si trovano cinque stinchi e nel cortile si aggira, claudicante, un maiale a tre zampe. Nella terza scenetta uno sciame di schiavi segue il loro nuovo padrone. Mentre tutti gli altri scelgono di portare i contenitori leggeri, Esopo decide per un pesante cesto di pane il quale, ovviamente, una volta terminato il pranzo risulterà ben più leggero. Gli altri schiavi riconoscono, unanimemente, l’astuzia del brutto e segregato schiavo. Le vicende di Esopo vanno probabilmente lette ponendole in stretta relazione con il pubblico dissenso che dovettero incontrare gli affreschi realizzati dallo Zuccari nella cupola del Duomo fiorentino.


Scena di Esopo non identificato (fotografi Rabatti & Domingie)

Esopo e i fichi vietati (fotografo Bacherini)

Esopo e il Filosofo Xantus (fotografo Bacherini)

Esopo e il cesto di pane (fotografo Bacherini)

Un medaglione con i putti (fotografo Bacherini)

Un medaglione con i putti (fotografo Bacherini)

Un medaglione con i putti (fotografo Bacherini)




© KHI Firenze | 22.09.2020 15:46:53