font-awesome-load
material-design-icons-load

Romualdo Moscioni. Apulia Monumentale

L' Apulia Monumentale nella Fototeca dei Musei Vaticani

Il Fondo Moscioni, costituito da circa 15.700 lastre di vetro, acquisite dai Musei Vaticani nei primi anni Trenta del Novecento, ha costituito la prima pietra della raccolta fotografica museale. Nel corso del lavoro di ricognizione e di riordino, portato avanti dalla Fototeca sin dalla sua istituzione nel 2010, è stata individuata e isolata la partizione relativa all’Apulia Monumentale.
Ad oggi sono emerse 206 negative su vetro su un totale di 235 eseguite da Moscioni durante questa campagna tra il 1891 e il 1892. A queste si uniscono 202 stampe fotografiche alla gelatina bromuro d’argento, realizzate (come si evince da timbri apposti sul verso) tra il 1936 e il 1940, dal fotografo milanese Arturo Faccioli nell’allora Gabinetto Fotografico, istituito nei Musei per la riproduzione in proprio delle fotografie e la vendita. In alcuni casi è visibile sul verso la dicitura del luogo riprodotto, posta a matita da Hermine Speier, l’archeologa tedesca chiamata negli anni Trenta a catalogare il Fondo Moscioni. Le stampe venivano eseguite a contatto del negativo, riproducendo il formato delle lastre, tutte 30 × 40: una scelta tecnica che consentiva la riproduzione di una maggiore quantità di informazioni e una resa migliore dei particolari piccoli. La ricchezza e la nitidezza dei dettagli venivano rafforzate dal procedimento al collodio, usato da Moscioni per realizzare il negativo, poi soppiantato nel giro di pochi anni dalla più pratica e veloce tecnica alla gelatina bromuro d’argento. La lastra originale, qui messa a confronto in qualche caso con la relativa stampa, ci permette di scoprire di più sul modo di lavorare del fotografo sia durante la ripresa, che privilegia inquadrature molto ampie, sia nei trattamenti di finitura dell’immagine, come le mascherature in carta delle zone del cielo, le scontornature a tempera dei contorni degli edifici e le riquadrature con strisce di carta gommata per determinare il taglio dell’immagine da stampare. I ritocchi erano frequenti e venivano eseguiti anche per una migliore resa tonale e dei contrasti luministici.
La selezione qui proposta prova a riassumere ancora i principali soggetti della serie: le facciate delle grandi cattedrali romaniche pugliesi, i dettagli architettonici e scultorei, gli interni, con tracce di epoche medievali e anteriori o già proiettati nel Rinascimento, case medievali e rinascimentali, castelli, vedute marine con campanili sullo sfondo o paesaggi con le case tipiche, dai tetti a forma di trulli e infine oggetti d’arte, sempre immersi nel contesto architettonico.
Questa mostra costituisce per la Fototeca dei Musei Vaticani una preziosa opportunità, per produrre successivi livelli di conoscenza e di indagine sul Fondo Moscioni, costruendo per gradi un percorso interpretativo a posteriori che consideri la storia stessa dell’archivio, spesso difficile da ricostruire, e ci consenta di intercettare l’evoluzione della pratica fotografica, insieme ai processi di produzione e di mercato che fanno circolare le fotografie, allora come oggi. Il lavoro che abbiamo intrapreso è complesso e articolato alla ricerca della storia di quanto rappresentato che da oggetto d’arte diviene bene e poi patrimonio culturale, in un continuo ampliarsi d’orizzonte che la fotografia da sempre rileva e molte volte anticipa.


R. Moscioni, Duomo di Altamura, particolare del portale d’ingresso, stampa alla gelatina, 28,1 × 38,5 cm, 1937, n. 5384, neg. XXVII.7.17, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Altamura, interno, da negativo su vetro, 28 × 39 cm, 1891/92, n. 5391, neg. XXVIII.4.19, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Altamura, corridoio esterno del matronei, stampa alla gelatina, 28 × 39 cm, 1939, n. 5396, neg. XXVIII.4.21, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Andria, Casa trecentesca, da negativo su vetro, 28 × 39 cm, 1940, n. 5409, neg. XXVIII.9.13, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Acquaviva delle Fonti, facciata, stampa alla gelatina, 38,9 × 29 cm, 1936/40, n. 5413, neg. XXVIII,.10.6, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Bari, facciata, stampa alla gelatina, 39 × 29 cm, 1936/40, n. 5419, neg. XXVIII.10.19, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Bari, cripta, stampa alla gelatina, 38,2 × 28,4 cm, 1937, n. 5429, neg. XXVII.11.8, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Bari, Monumento funebre dell’arcivescovo Elia (✝ 1105), lastra al collodio, 28,9 × 39 cm, 1891/92, n. 5439, neg. XVI.4.21, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Bitonto, veduta, stampa alla gelatina, 38,3 × 28,6 cm, 1937, n. 5454, neg. XXVII.7.9, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Bitonto, Casa rinascimentale, stampa alla gelatina, 28,6 × 38,9 cm, 1936/40, n. 5474, neg. XXVIII.11.3, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Barletta, veduta, stampa alla gelatina, 27,5 × 38,7 cm, 1937, n. 5487, neg. XXVII.6.15, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Benevento, facciata, stampa alla gelatina, 28,5 × 38,5 cm, 1936/40, n. 5499, neg. XXVIII.11.8, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Corato, Casa rinascimentale, stampa alla gelatina, 28 × 38,8 cm, 1937, n. 5516, neg. XXVII.11.10, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Castello di Conversano, torre e mura di difesa, stampa alla gelatina, 38,8 × 29 cm, 1937, n. 5522, neg. XXVII.11.26, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Molfetta, veduta, lastra al collodio, recto e verso, 30 × 40 cm, 1891/92, n. 5544, neg. XXVII.10.21, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Matera, veduta, lastra al collodio, recto e verso, 30 × 40 cm, 1891/92, n. 5554, neg. XXVII.11.20, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Matera, veduta, stampa alla gelatina, 38,3 × 29,2 cm, 1937, n. 5554, neg. XXVII.11.20, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Monte S. Angelo, Santuario di S. Michele, veduta, stampa alla gelatina, 28,5 × 38 cm, 1937, n. 5560, neg. XXVII.12.9, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Ruvo, facciata, stampa alla gelatina, 28,4 × 37,8 cm, 1937, n. 5575, neg. XXVII.7.13, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Trani, veduta del Duomo e delle fortificazioni, stampa alla gelatina, 38,7 × 28,9 cm, 1937, n. 5585, neg. XXVII.6.17, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Trani, Casa medievale, stampa alla gelatina, 28,6 × 38,8 cm, 1936/40, n. 5595, neg. XXVII.6.19, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Troia, facciata, lastra al collodio, recto e verso, 30 × 40 cm, 1891/92, n. 5604, neg. XXVII.11.25, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Duomo di Troia, facciata, stampa alla gelatina, 38,8 × 28,8 cm, 1937, n. 5604, neg. XXVII.11.25, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani

R. Moscioni, Fasano, veduta del paese, stampa alla gelatina, 38,6 × 28 cm, 1937, n. 5614, neg. XXVII.5.29, Fondo Moscioni, Fototeca Musei Vaticani




© KHI Firenze | 22.09.2020 16:20:12