font-awesome-load
material-design-icons-load

Romualdo Moscioni. Apulia Monumentale

Saluto

La documentazione fotografica di quello che oggi chiamiamo cultural heritage è riconosciuta come un fenomeno caratterizzante dei processi di formazione nazionale e costruzione identitaria. Creare e accumulare in archivi testimonianze fotografiche di ciò che costituisce la memoria condivisa di una società, destinata ad essere trasmessa alle generazioni future: queste attività sono funzionali alla conoscenza e alla tutela del patrimonio, ma anche alla sua definizione, poiché differenti indirizzi dati alle campagne conoscitive comportano la cristallizzazione di diverse concezioni del patrimonio culturale e monumentale, concentrate più sul folklore, sul paesaggio, sulle opere d’arte e d’architettura. Il grande sforzo identitario compiuto dall’Italia postunitaria con la concentrazione di molte iniziative istituzionali e private sui beni artistici ed architettonici deve essere considerato quale sfondo per la serie “Apulia Monumentale” di Romualdo Moscioni qui presentata. La commissione ministeriale a Moscioni è da leggere anche nel contesto del grande dibattito sull’architettura “nazionale”, che soprattutto Camillo Boito orientò in favore del neo-medievismo, creando il clima culturale adatto a questa campagna fotografica davvero pionieristica. Il materiale qui esibito proviene dalla Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz (per i positivi) e dalla Fototeca dei Musei Vaticani, a cui appartiene il principale fondo di negativi di Moscioni. Il nostro auspicio è che la mostra online sia d’impulso all’avvio di attività di studio e ricerca comuni sulla figura e l’opera di Romualdo Moscioni, che dovranno coinvolgere anche altre istituzioni interessate come l’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione e l’American Academy in Rome.

Costanza Caraffa & Antonio Paolucci



© KHI Firenze | 17.09.2021 09:26:11